Federagenti: investimenti esteri nello shipping
Trend

Federagenti: 3,5 miliardi di investimenti esteri nello shipping

15 maggio 2018
Negli ultimi dieci anni gli investimenti esteri sul mondo dello shipping italiano, tra acquisizioni, fusioni e accordi di partnership, sono arrivati complessivamente a sfiorare i 3,5 miliardi e hanno interessato 59 aziende italiane del settore portuale, marittimo e logistico.
E il trend sembra proseguire, perché i rumors di mercato suggeriscono che ci sono fondi e operatori internazionali del settore interessati ad altre operazioni in Italia.
Mentre si manifesta un crescente disimpegno delle banche dal comparto.

È quanto emerso nel corso dell’assemblea di Federagenti (l’associazione che raggruppa gli agenti marittimi italiani), tenutasi a Porto Cervo.
Il dato scaturisce da un’analisi che il Presidente di Federagenti, Gian Enzo Duci, ha svolto nell’ambito dei suoi incarichi presso l’Università di Genova (corso di economia dei trasporti) e che è stata presentata in anteprima all’assemblea annuale della Federazione Agenti Marittimi a Porto Cervo.
Fra merger e acquisition, ingresso di fondi di investimento internazionali, offerte pubbliche di acquisto, alcuni fra i maggiori brand dello shipping, della portualità, delle attività spedizionieristiche e della logistica italiana, sono riusciti ad attrarre investitori internazionali che, nella maggior parte dei casi, hanno radicato in Italia le loro attività producendo valore aggiunto nel nostro paese.

“È in particolare – ha sottolineato Gian Enzo Duci – il risultato di questi interventi a dissipare il sospetto che si tratti solo di una massiccia operazione di colonizzazione: nei tre anni successivi all’intervento di investitori esteri, l’Ebitda dei gruppi oggetto dell’intervento, e di cui si sono potuti reperire i dati, ha registrato un incremento medio del 70%, per poi attestarsi negli anni a seguire su tassi di crescita annui del 5%”.

Certo il processo di globalizzazione non è stato e non è indolore.
Nell’analisi presentata da Federagenti è stato evidenziato come, in particolare nel settore shipping e quindi delle attività armatoriali, il vento della crisi abbia soffiato impetuoso, rendendo indispensabile per più di 30 gruppi il ricorso a misure straordinarie di rinegoziazione del debito, e come, in taluni casi, il tracollo finanziario sia sfociato nel fallimento.

Altri articoli per Trend

Ultimi articoli per Trend

Video

Vedi tutti
Interviste

Logistici e trasportatori: a noi l’attenzione! - Global Summit

30 aprile 2018
Interviste
Sistema integrato VS dipartimentale - Global Summit
28 febbraio 2018
Interviste
Il vaso di Pandora nel mondo dei trasporti - Global Summit
26 marzo 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente