Logistica interna in sicurezza
Sistemi di magazzino

Iter Segnaletica: un mondo di servizi legati alla sicurezza

14 maggio 2019
Nata nel febbraio del 2013, Iter Segnaletica ha come core business le lavorazioni e le forniture di servizi legati alla sicurezza e alla segnaletica.
Partendo dal progetto come base del metodo di lavoro, Iter da sempre punta sulla ricerca e sul continuo aggiornamento dei propri prodotti e dei processi, dove la messa in sicurezza è considerata un servizio alla collettività e parte integrante di ogni azienda.

I rischi in azienda possono essere determinati da circostanze esterne come la scarsa visibilità, ad esempio: Iter agisce proprio a questo livello del processo.

La sicurezza non può essere ritenuta “un qualcosa in più” nell’organizzazione aziendale o un mero obbligo che l’azienda è tenuta ad assolvere nei confronti degli istituti di controllo e dei propri lavoratori, ma per essere davvero efficace deve costituirsi parte integrante dell’azienda stessa.

In particolare, le aziende di logistica sono caratterizzato da molte criticità in tema sicurezza, legate ad esempio al controllo dei flussi logistici, sia nella fase di gestione e stoccaggio sia nella fase del trasporto delle merci.

Per far luce su alcune questioni e approfondire approcci e metodi di lavoro, Logisticamente ha intervistato Emilio Merlo, Direttore tecnico in Iter Segnaletica.

Di che cosa si occupa Iter?

Iter si occupa di prodotti e di servizi che riguardano la messa a norma delle aree di lavoro attraverso la segnaletica orizzontale e verticale e complementi necessari alla messa in sicurezza degli ambienti.

Come si articola il vostro lavoro?

Il nostro lavoro prende avvio dallo sviluppo di un progetto e, di conseguenza, di una planimetria che definisce in modo chiaro l’organizzazione e la funzione degli spazi. I nostri progetti sono sempre esecutivi: offriamo un servizio a 360 gradi, ma capita anche di essere solo esecutori, oltre allo staff tecnico, abbiamo nostre squadre attrezzate per la realizzazione dei lavori.

Come coniugare sicurezza, informazione, ma anche design, grafica e cromatismi?

A livello di formati non inventiamo nulla perché sono tutti regolamentati, ma cerchiamo di omologarli e di renderli chiari, puliti e gradevoli.
Ci sono alcune regole basilari che occorre sempre rispettare: con la segnaletica non bisogna abbondare, metterne troppa non serve, a volte bastano pochi elementi ma significativi e visibili.
Lo scopo è quindi quello di creare un sistema armonico, facendo sì che le risorse umane recepiscano che la sicurezza è un valore da veicolare nelle aziende.

Quali tipologie di aziende si rivolgono a voi?

Tutti coloro che hanno esigenza di comunicare internamente la sicurezza.
Dalle aziende in genere alle logistiche, dalla grande distribuzione (parcheggi e logistica) alle imprese di costruzione, così come agli enti pubblici (strade).

Aziende di logistica, aree produttive e di stoccaggio: quali sono le maggiori criticità da risolvere e come interviene Iter?

Le problematiche vengono evidenziate durante i nostri sopralluoghi.
Alcune di queste sono risolvibili tramite il layout e quindi la planimetria.
Altre riguardano la manutenzione soprattutto della segnaletica orizzontale: precoce ammaloramento, non perfetta adesione dei materiali al pavimento, scivolosità delle superfici.
Le baie di carico sono uno dei luoghi dove accadono maggiori incidenti: sono aree di confine dove vi è una grande interferenza tra risorse interne ed esterne.
Quello che facciamo noi è segnalarle tramite particolari sistemi e annullare le interferenze.
La segnaletica è costituita da segni e dai segni vengono diffuse determinate regole a cui bisogna attenersi.
A questo proposito, abbiamo lanciato la campagna “In alcuni casi, separarsi è meglio”, per far capire che questa interferenza può comportare rischi e pericoli.

Ci racconti alcune applicazioni delle soluzioni Iter in aziende di logistica.

Le applicazioni sono infinite.
Lo scorso anno abbiamo lavorato sull’Interporto di Bologna tramite lo studio e la realizzazione della segnaletica stradale e di indicazione di tutti le aree comuni.
Siamo molto attivi anche nel campo della GDO: per un altro nostro cliente, Lidl ad Arcole, abbiamo realizzato in un deposito 30 km di strisce; qui le aree di stoccaggio sono da considerare come vere e proprie città.
La segnaletica è importante sia nelle aree di stoccaggio sia per separare le corsie pedonali dalla circolazione dei carrelli.

Quali sono i progetti futuri di Iter?

Siamo continuamente alla ricerca di prodotti nuovi e soluzioni innovative, in un’ottica costante di crescita e sviluppo.
Sicuramente costruire un nuovo spazio che accolga anche momenti di riflessione interni e di condivisione con i clienti.

Per saperne di più, visita il sito web di Iter.



Altri articoli per Sistemi di magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Overlog ridisegna il magazzino di PRINZ B. & F. Srl

25 luglio 2019
Hardware e Software per il magazzino

GEODIS ridisegna la supply chain di Ubisoft

12 luglio 2019
Sistemi di magazzino

Coop e Chep, rafforzata la partnership

11 luglio 2019
Hardware e Software per il magazzino

Bosca inaugura gli spumanti 4.0

10 luglio 2019
Sistemi di magazzino

Fives Intralogistics: un mondo di intralogistica

10 luglio 2019

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Evento Logisticamente OUT - 14 giugno 2019

25 giugno 2019
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Com'è percepita la sicurezza gestita dal provider logistico?
17 maggio 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente