Food delivery e alimentare online
Trend

Food delivery in crescita grazie all’alimentare online

10 settembre 2019
L’e-commerce ha sconvolto le nostre abitudini di consumatori.
Se una volta si aspettavano i saldi per fare acquisti, per finalmente comperare le scarpe o il maglione che tanto desideravamo, oggi gli sconti sono presenti quasi tutto l’anno.

L’unico mercato in cui gli acquisti online non hanno ancora “sfondato” è quello dell’alimentare, nonostante la crescita importante che ha visto il mercato online food&grocery in grande spolvero nel 2018, con una crescita rispetto al 2018 del 39% e 1,6 miliardi di fatturato.

Come detto, il settore resta tuttavia ancora marginale: basti pensare che l’incidenza di questo segmento, sul totale dell’e-commerce B2C italiano (che ammonta in tutto a 31,5 miliardi di euro) è del 5%.

Questi i dati principali dell’Osservatorio e-commerce B2C, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm.

Food delivery sugli scudi


In questo contesto è l’alimentare che rappresenta ancora la componente più forte di tutto il comparto, con l’89% degli acquisti, per un valore complessivo di 1,4 miliardi di euro.
I restanti 170 milioni rappresentano invece la parte più strettamente legata a salute e benessere, specie con i nutraceutici.

In tutto ciò il food delivery, almeno nell’universo dell’alimentare, si conferma primo con 566 milioni di euro di vendite e un tasso di crescita del 56% anno su anno.

“Il food&grocery online è il settore che nel 2019 cresce con il ritmo più sostenuto: +39% a fronte del +15% dell’e-commerce nel suo complesso. Gli acquisti dei consumatori italiani incidono però ancora in modo scarso sul totale degli acquisti retail: la penetrazione infatti supera di poco l’1% ed è pari a circa un sesto di quella media dei prodotti (6%). Per fare un confronto con altri comparti, l’informatica ed elettronica hanno una penetrazione del 27%, l’editoria del 20%, l’abbigliamento del 9%, l’arredamento dell’8%, ha spiegato Riccardo Mangiaracina, responsabile scientifico dell’Osservatorio.

Spesa online apprezzata novità


Se la componente più rilevante in tutto il settore è quella rappresentata dall’alimentare, il merito è per i tre segmenti che racchiude al proprio interno.

Quello più economicamente rappresentativo con 566 milioni di euro di fatturato, è il food delivery, alle cui spalle si piazza il grocery food (476 milioni) e infine l’enogastronomia (383 milioni).

“I numerosi progetti, avviati e consolidati, hanno potenziato un’offerta fino a qualche tempo fa piuttosto limitata, ma la strada da percorrere è ancora lunga. Oggi poco più di due terzi degli italiani (68,5%, era il 64% due anni fa) possono fare online la spesa da supermercato, ma con un livello di servizio non sempre adeguato alle aspettative, e quasi la metà degli abitanti (47% contro il 31% nel 2017) è coperta potenzialmente dal servizio di consegna a domicilio di cibo pronto. Per comprendere quanto sia in crescita questo servizio, basti pensare che la previsione di fatturato per il 2019 è di 1,4 miliardi di euro”, conferma Valentina Pontiggia, direttore dell’Osservatorio.

È importante attivare un’iniziativa di e-commerce in questo contesto, ma non dev’essere l’unica attività a cui tendere, ma parte di una strategia più complessa, lunga e integrata tra diversi canali.

“Solo così è possibile superare i connotati, ancora sperimentali, di molte decisioni di management, garantire una copertura territoriale sempre più estesa e offrire un livello di servizio idoneo. Ed è proprio nello sviluppo di questo settore, il primo nel paniere degli acquisti totali degli italiani, che si gioca il futuro dell’e-commerce nel nostro Paese”, conclude Pontiggia.

Il mezzo che cambia l’offerta


In questo senso, internet sta cambiando certamente l’accesso e l’acquisto dei prodotti alimentari, ma non solo.

Tutto attorno stanno anche nascendo nuovi servizi per usufruire di questi beni, tra cui metodi di consegna innovativi come il click&collect o drive, con anche soluzioni particolarmente semplici, come l’abbonamento o l’utilizzo di liste di spesa preimpostate.

Alcuni di questi esempi, come spiega sempre Valentina Pontiggia, vedono la crescita dei meal-kit, che permettono di ricevere un box con tutto il necessario per realizzare una cena a casa.
Un servizio che punta dunque non solo al ricevimento del bene, ma anche alla promozione di una vera e propria esperienza diversa.

Per la natura del prodotto e del servizio stesso, va da sé che tutto ruota attorno alla copertura nei centro di medio-grandi dimensioni delle consegne a domicilio di beni degradabili come il cibo.

“In questi anni gli operatori hanno investito per attivare il servizio in nuove città e per aumentare l’offerta disponibile. Oggi infatti il 93% dei nuclei urbani, con popolazione superiore ai 50.000 abitanti, dispone di consegna a domicilio (era il 74% nel 2017) e circa un abitante su due (47%) può ordinare online piatti pronti, in confronto agli uno su tre del 2017”, conclude Samuele Fraternali, senior advisor dell’Osservatorio.


Vuoi saperne di più sul tema della logistica alimentare? Scopri il convegno gratuito Logisticamente On Food 2019.

Altri articoli per Trend

Ultimi articoli per Trend

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Modula Slim: la novità compatta nel mondo dei magazzini automatici

12 settembre 2019
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su Twitter

@logisticamente