Eventi e fiere di logistica
Fiere ed Eventi

Osservatorio Intralogistica, tutti i trend della logistica e dell’industria

06 agosto 2019
E-commerce e omnicanalità: sono queste ormai le frontiere a cui le aziende devono saper rispondere in maniera sempre più innovativa e tecnologica.
Evoluzioni come queste, infatti, ridefiniscono il concetto di domanda-offerta e impongono una nuova comprensione delle esigenze del mercato.

La stessa intralogistica si evolve, incontrando e interfacciandosi con i concetti di collaborazione, dialogo, innovazione e crescita.
Si apre quindi per le aziende di logistica - e non solo - un nuovo scenario nel quale sono coinvolti i produttori di soluzioni, le aziende utilizzatrici, i centri studi e di ricerca, i media, gli organizzatori di convegni, fiere e manifestazioni in ambito logistico.
L’obiettivo comune?
Comprendere le attuali necessità, ideare soluzioni e sistemi in linea con esse, creare un dialogo costante e occasioni di incontro reale per scambiare esperienze, in un reciproco arricchimento.


Perché nasce Osservatorio Intralogistica


Proprio in quest’ottica è nato l’Osservatorio Intralogistica, iniziativa ideata dalla manifestazione Intralogistica Italia, fiera di riferimento per soluzioni e sistemi integrati di movimentazione industriale, gestione del magazzino, stoccaggio dei materiali e picking, e che si svolge con cadenza triennale a FieraMilano - Rho, con la prossima edizione in programma dal 4 al 7 maggio 2021.

L’obiettivo di Osservatorio Intralogistica è stato quello di dar vita a un think tank nel quale dare voce a più prospettive e monitorare ciò che le aziende stanno facendo o pensano di fare in un immediato futuro.

L’indagine, Osservatorio Intralogistica, è stata organizzata insieme a Largo Consumo, con il supporto dell’Università degli Studi di Parma e Gea Consulenti di direzione.

Il focus si è concentrato sulle industrie del largo consumo alimentare e non, e le interviste (sono stati coinvolti circa 106 manager) si sono svolte tra aprile e maggio 2019.


Le imprese selezionate per Osservatorio Intralogistica


Nel 50% dei casi i manager intervistati facevano parte di aziende appartenenti alla categoria Distribuzione e Retail, nel 37% ad aziende della produzione industriale, nel 10% ad aziende di altra natura, e nel restante 3% dei casi ad imprese di altro tipo.

Quasi la totalità delle aziende intervistate opera già con un assetto distributivo significativo, in multi-magazzino e con un importante dispiego di aree (92% del campione).

Nel 69% dei casi, poi, il magazzino principale è di grandi dimensioni, raggiungendo oltre i 10mila metri quadrati.

Ciò che è forse maggiormente interessante è il modo in cui stanno mutando le figure dei responsabili della logistica rispetto al passato, molto più attenti alle evoluzioni tecnologiche, specie a supporto delle attività di magazzino.

C’è poi il super ammortamento legato all’Industry 4.0 a incentivare a questo tipo di approccio le aziende, per quanto sia ancora la minoranza (il 40% del totale) ad essersi mossa in questa direzione.


Parola d’ordine: automazione logistica


Il driver principale del cambiamento tecnologico appare essere la ricerca di una maggiore efficienza, ma anche la necessità di far fronte a e-commerce e omni-canalità, oltre che al fronteggiare una riduzione dei livelli di scorta.

Intanto sono state tuttavia implementate alcune nuove soluzioni o applicazioni tecnologiche, nei magazzini delle imprese selezionate.
Quella più gettonata riguarda i sistemi di movimentazione tradizionali, nel 97% dei casi.

Al secondo posto i software gestionali WMS, con il 91% delle “preferenze”, seguiti da soluzioni automatizzate per lo stoccaggio, terminali RF wireless di ultima generazione, sistemi avanzati di lettura e soluzioni per il picking, oltre infine a implementazioni volte ad aumentare la sicurezza come i sistemi anti-collisione. Solo 2 aziende su 5 (il 42%, per la precisione) hanno fatto ricorso alle agevolazioni fiscali dei super e iper ammortamenti per Industria 4.0.

Il 30% del campione non lo ha fatto, mentre nel 28% dei casi c’è l’intenzione a farlo, per quanto ancora non siano state prese decisioni in merito.


Sostenibilità ambientale


Una fiera, quella di Intralogistica Italia, nata per rispecchiare e dar voce alle esigenze del mercato e per ascoltare le esigenze dei clienti.
Soprattutto in termini di ultime tendenze.
Particolare interesse in tale direzione è stato riservato infatti al tema del rispetto ambientale.
In questo senso l’opinione pubblica da tempo chiede alle aziende una responsabilità maggiormente accentuata, e le imprese stanno seguendo le indicazioni dei consumatori.

I magazzini e i sistemi di produzione rappresentano infatti una voce ragguardevole quando si parla di emissioni in atmosfera, anche se in realtà il driver principale che ha reso le imprese più “eco-friendly” è la possibilità di ottimizzare le spese in ottica di un risparmio energetico più deciso.

Nel 57% dei casi le imprese hanno dei magazzini dotati di impianti e/o soluzioni per la co-generazione. Una su quattro (il 25%) possiede impianti solo parziali, mentre nel 18% dei casi non ve ne sono affatto.

Ciò che le imprese cercano è poi il tasso di autonomia energetica, e in questo particolare segmento si potrebbe ancora fare di più.
Nel 56% dei casi si è raggiunta un’autonomia del 15% circa, nell’11% dei casi un’autonomia fino al 25%, mentre nel 33% dei casi un’autonomia del 35% e più.

Infine, tra le soluzioni più gettonate per raggiungere l’efficientamento energetico troviamo soluzioni di illumazione a led, impianti fotovoltaici, edifici a basso assorbimento energetico e bassa dispersione e soluzioni di ricarica carrelli con basse dispersioni.


L’outsourcing logistico: perché esternalizzare

Vi è infine la parte dell’indagine dedicata all’esternalizzazione di alcune delle attività logistiche delle aziende: una soluzione a cui gli operatori intervistati si sono affidati per garantire una maggiore efficienza, flessibilità ed elasticità alle proprie operazioni.
Questo è a maggior ragione vero nel momento in cui vi è un picco di richieste.

Altre situazioni in cui esternalizzare può essere una risposta importante è laddove si cerchi uno sviluppo del business anche attraverso una piena variabilizzazione dei costi, e quando si ha la necessità di operare h24 senza incorrere nella gestione di aspetti connessi alla gestione dei turni di riposo e limitazioni di legge di vario tipo.
Secondo l’Osservatorio Intralogistica, si ricorre all’outsourcing soprattutto e quasi esclusivamente in alcuni periodi dell’anno, e si sceglie l’operatore terzo in base alla trasparenza con cui si pone.

Dalla sostenibilità ambientale all’automazione, fino all’outsourcing, il panorama delle aziende mostra una certa flessibilità e un’attenzione importante alla sostenibilità ambientale, ma un’inclinazione ancora solo parziale quando si parla di implementazione di buone pratiche per l’automazione.
La strada è ancora lunga, insomma, ma il sentiero è quello giusto.


Vuoi saperne di più sulla prossima edizione di Intralogistica Italia? Clicca qui

Altri articoli per Fiere ed Eventi

Ultimi articoli per Fiere ed Eventi

Fiere ed Eventi

Logistica interna: come muoversi?

10 giugno 2019
Fiere ed Eventi

Logistica per l’e-commerce: come muoversi?

30 maggio 2019
Fiere ed Eventi

Anteprima workshop "Logisticamente Out"

28 maggio 2019

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Evento Logisticamente OUT - 14 giugno 2019

25 giugno 2019
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Eventi e Workshop
Evento Logisticamente Sicuri - Intervista a Paolo Doria - Bauli
23 aprile 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente