Segnaletica sul lavoro
Sistemi di magazzino

Sicurezza negli ambienti di lavoro: normativa, manutenzione e segnaletica

08 gennaio 2020
Zone di produzione o di stoccaggio merce, aree di movimentazione per lo spostamento dei prodotti o spazi per la circolazione degli addetti: queste sono tutte aree produttive che mettono spesso in pericolo l’operatività dei lavoratori all’interno di determinate zone.

In ogni area produttiva o logistica, essendo l’unione di spazi fissi e dinamici, è molto probabile che l’interferenza dei flussi possa portare a incidenti veri e propri.

Proprio per questo motivo Iter Segnaletica ha lanciato la campagna “In alcuni casi… separarsi è meglio”: saper valutare il rischio e determinare delle regole di comportamento tramite la segnaletica sono i primi elementi che permettono una buona organizzazione.

“Tutte le nostre attività si svolgono attraverso un attenta analisi delle aree e degli obiettivi della committenza, con lo scopo di definire un dettagliato elaborato progettuale come sintesi e incubatore delle varie esigenze”, afferma Emilio Merlo, Direttore tecnico in Iter Segnaletica.

Attraverso le planimetrie progettuali, Iter Segnaletica riesce ad avere il controllo della messa a norma e in sicurezza degli ambienti, evidenziando le necessità che non possono essere soddisfatte solo attraverso i segni – orizzontali o verticali – ma con una segnaletica adeguata.
Grazie all’utilizzo di altri strumenti – come le barriere sia statiche che a memoria meccanica, la realizzazione di resine antiscivolo, la sistemazione delle fessurizzazioni nelle pavimentazioni industriali (che possono causare vari traumi se continuamente attraversate dai mezzi), l’aggiunta di specchi parabolici per aumentare la visibilità tra addetti – l’azienda riesce a garantire la sicurezza sul lavoro.

Messa a norma e in sicurezza delle aree di lavoro: quali scenari e criticità vi si presentano durante i vostri sopralluoghi?


“Gli scenari sono molteplici e variano in relazione ai settori produttivi.
Riscontriamo sensibilità differenti sul tema, ma fondamentalmente le richieste nascono da un evento negativo (es. un incidente) o dall’analisi delle valutazione dei rischi, che impone ai responsabili delle aziende di gestire e risolvere specifiche problematiche (la scivolosità dei pavimenti, continuità dei camminamenti pedonali, la durabilità della segnaletica, le customizzazione degli ambienti di lavoro ecc.)”, spiega Merlo.

Le criticità che Iter Segnaletica riscontra variano dalle vie di fuga occupate dallo stoccaggio dei materiali o addirittura dalle attrezzature, o anche dall’assenza di regole nella circolazione dei carrelli elevatori, o ancora totale mancanza di continuità nei camminamenti pedonali di collegamento tra le varie aree produttive e le vie di fuga esterne.

Come risolvere queste criticità? Qual è l’approccio (e le soluzioni) di Iter?


Quando è possibile, Iter Segnaletica cerca di aumentare – attraverso l’organizzazione efficace degli spazi – le aree a disposizione delle varie funzioni, al fine di “allargare” il margine di errore o migliorare le visibilità reciproche tra i vari attori del processo di movimentazione delle merci.

“In sostanza, mettiamo a disposizione dei clienti le soluzioni e le esperienze accumulate negli anni, sia attraverso le attività di progettazione che di realizzazione.
Ascoltiamo, osserviamo, elaboriamo e sviluppiamo, proponendo ove possibile delle chiare regole di comportamento attraverso la comunicazione orizzontale e verticale. Il nostro compito è tramutare le regole scritte in ambienti percepiti, in segni orizzontali e verticali che definiscano oltre le responsabilità anche i comportamenti”, dichiara Merlo.

Quali sono le normativa di riferimento per la segnaletica e la sicurezza in Italia?


I riferimenti normativi per la progettazione e lo sviluppo delle attività di Iter sono:
  • Per i piazzali esterni delle logistiche e aziende: D.lgs 30 aprile 1992 n.285 Nuovo codice della strada e D.P.R: 16 dicembre 1992 n.495 - Regolamento di esecuzione e di attuazione.
    In particolare, art.75 comma 2 (art.38 CdS) indica: “I segnali sono obbligatori anche sulle strade ed aree aperte ad uso pubblico, quali strade private, aree degli stabilimenti e delle fabbriche, dei condomini, parchi autorizzati e lottizzazioni e devono essere conformi a quelli stabiliti dalle norme; su tali strade, se non aperte ad uso pubblico i segnali sono facoltativi ma, se usati, devono essere conformi a quelli regolamentati’;

  • Per i lavori che si svolgono su strade con traffico aperto: decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (10 luglio 2002) recante “disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare come segnalamento temporaneo”, nonché al decreto del 22 gennaio 2019.

  • Per le aree interne dei siti produttivi e di stoccaggio: i riferimenti arrivano dalla legge 81/08 Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro. In particolare, al titolo V, artt. dal 161 al 164.

Ogni quanto tempo la segnaletica e i sistemi di sicurezza necessitano di manutenzione?


“Quando si parla di manutenzione nella segnaletica è necessario fare una distinzione tra la comunicazione verticale e orizzontale, e tra ambienti interni ed esterni.

Nella segnaletica orizzontale, per esempio, il parametro di riferimento non è il tempo ma l’usura, esattamente come negli pneumatici dei veicoli la sostituzione è associata all’utilizzo e non alla variabile tempo. Le manutenzioni sono in relazione anche alle tipologie dei materiali scelti, alle modifiche nella gestione degli spazi produttivi o di stoccaggio e molto altro”, conclude Merlo.

Come in tutti i settori è utile e necessario prevedere un piano manutentivo che valuti lo stato dell’arte ogni anno.

La manutenzione degli impianti non è da considerarsi come mera sostituzione o rifacimento dell’esistente ma momento di aggiornamento e rettifica.
Nelle aziende come nelle logistiche gli spazi e le regole di comportamento possono cambiare frequentemente: la segnaletica è, dunque, lo strumento principale di gestione di tali cambiamenti.

Per saperne di più visita il sito www.itersegnaletica.com

Altri articoli per Sistemi di magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Il “Power and Energy Solutions” (PE-S) di SEW-EURODRIVE

11 dicembre 2019
Hardware e Software per il magazzino

Automazione industriale, Comau apre un centro di sviluppo a Bari nello spir...

01 dicembre 2019
Sistemi di magazzino

Udine, nuova piattaforma logistica per Aspiag Service

29 novembre 2019
Hardware e Software per il magazzino

Cyber security: quando la logistica è sotto attacco

28 novembre 2019

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Modula conquista l'azienda Solimè

06 dicembre 2019
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Com'è percepita la sicurezza gestita dal provider logistico?
17 maggio 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su Twitter

@logisticamente