Logistica per fashion e beauty

DHL affronta le nuove sfide del settore fashion & beauty

08 novembre 2019
(Comunicato stampa)

I trend del futuro, le sfide che i retailer devono affrontare per intercettare i bisogni e le nuove esigenze del consumatore: questi alcuni degli elementi chiave della Fashion & Beauty Masterclass 2019 di DHL, per la prima volta in Italia.

Oltre 80 partecipanti da tutta Europa per confrontarsi ed interrogarsi sulle migliori soluzioni per far crescere la competitività e intercettare i bisogni e le nuove tendenze.
Il punto chiave, l’integrazione tra canale online e offline: come possono essere gestiti i picchi del canale digitale per garantire la soddisfazione delle aspettative di un cliente sempre più esigente e imprevedibile?

Come gestire la logistica del fashion e del beauty

Soprattutto nel settore del fashion e del lusso il tema è centrale, dal momento che i prodotti vengono molto spesso realizzati a km di distanza dalla sede di vendita.
Affidarsi ad un partner che oltre a fornitore di servizi, dal palleting alla gestione dell’ultimo miglio, sappia integrare il data management e la gestione dei big data, con l’innovazione di soluzioni sempre più competitive alla condivisione di informazioni e conoscenza. Queste le richieste del settore del fashion.

In particolare, la logistica dell’ultimo miglio rappresenta il 40% dei costi totali della supply chain e oltre l’85% dei consumatori percepiscono la consegna come parte della shopping experience. Sono stati anche individuati i trend che hanno maggiore impatto sull’ultimo miglio: la personalizzazione e i comportamenti del consumatore, la crescita dei volumi, gli acquisti stagionali, l’urbanizzazione e la sostenibilità.

E proprio il tema oggi più d’attualità e richiesto dai clienti è la sostenibilità a partire dal packaging e dai materiali utilizzati per le consegne, ai mezzi di trasporto: DHL, con il programma GoGreen, propone diverse opzioni relative alla riduzione di emissioni per rispondere a tutte le esigenze di trasporto.
Una serie di servizi per ridurre e/o eliminare le emissioni relative alla logistica, i rifiuti e altri impatti sull’ambiente per tutta la Supply Chain, dalle biciclette ai mezzi elettrici fino ai tir con i pannelli solari. Basti pensare che il packaging è la seconda voce di spesa per il Gruppo DP DHL.

Il Fashion & Environment White Paper

L’appuntamento è stato inoltre l’occasione per presentare in Italia per la prima volta il Fashion & Environment White Paper realizzato da DHL con il British Fashion Council, legato all’obiettivo di DHL del 2050 di portare la logistica a zero emissioni. Il documento analizza i vari modi in cui l'industria della moda ha un impatto sia sull'ambiente che sul clima.

Quasi 100 miliardi di metri cubi di acqua vengono utilizzati nella produzione di tessuti ogni anno.
Nel 2015, le quantità di gas a effetto serra emesse nella produzione di moda sono state pari a 1,7 miliardi di tonnellate. Questo dimostra il potenziale di miglioramento che l’industria della moda possiede e la domanda in crescita che mette in evidenza notevoli opportunità di business.

DHL si pone al fianco dei retailer e dei grandi marchi della moda e del lusso che stanno accelerando il processo di trasformazione verso l’omnicanalità con l’obiettivo di offrire un’esperienza di valore al cliente finale.

Altri articoli per Direttamente dalle Aziende

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Convegno Logisticamente On Food - Cibus Tec - 23 ottobre 2019

13 novembre 2019
Dalle Aziende
Come garantire la sicurezza nelle baie di carico
30 ottobre 2019
Dalle Aziende
Modula Slim: la novità compatta nel mondo dei magazzini automatici
12 settembre 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente