Articoli in Evidenza

Camion
Trasporti nazionali e internazionali

Furti di tir in Italia, un fenomeno in calo nell’ultimo anno

02 giugno 2020

Presentati i dati delle ricerca condotta da Viasat Group e proposte nuove soluzioni

GDO italiana
Packaging

La bandiera italiana sul packaging dei prodotti aumenta le vendite

02 giugno 2020

Presentati i dati dello studio svolto da GS1 Italy sul packaging funzionante per la GDO

Supply Chain

Webinar online

A giugno partono i webinar formativi organizzati da Logisticamente, direttamente in live streaming

29 maggio 2020

Mettiti comodo e partecipa ai webinar di formazione direttamente da casa, scopri le nuove date e la modalità di svolgimento

Magazzino

Trasporto

Direttamente dalle Aziende

John Pearson, CEO DHL Express

La connessione globale ci rafforza: ne abbiamo bisogno di più, non di meno

01 giugno 2020

Preoccupazione per il futuro dell'economia globale, ecco come ragiscono le imprese

Inventory management "alla buona"

Parla l'esperto

di Paolo Azzali

Recentemente sono stato invitato come docente ad un corso di formazione sulla gestione delle scorte. I partecipanti erano un gruppo di imprenditori di aziende di distribuzione di prodotti alimentari che aderiscono ad un importante consorzio nazionale.

Vuoi per l’argomento, vuoi per la presenza come “allievi” di titolari d’azienda (che costituiscono comunque una “classe” particolare), l’iniziativa è stata molto stimolante.

Il pizzico di sale in più è stato poi aggiunto all’inizio dall’organizzatore del corso che, al momento dell’affidamento dell’incarico, si è così espresso:
“Caro Dott. Azzali, mi raccomando, in aula avrà degli imprenditori, persone abituate a lavorare ma non a studiare; se la sua lezione sarà troppo tecnica e/o troppo “pesante” si annoieranno ed il corso non avrà successo anche se ritengo la sua materia molto importante”.

Siamo alle solite, pensai, chi non conosce una materia aziendale tecnica ma la vuole imparare senza fatica, spesso la banalizza e pretende di trasformarla in qualcosa di semplice ed intuitivo (all’acqua di rose). Questo non è però nè semplice nè sempre possibile. Il mio interlocutore però aveva ragione su una cosa: se il messaggio non viene capito…viene rifiutato.

La questione di fondo in sintesi è la seguente: è possibile insegnare alle aziende a svolgerla meglio? In pratica, tali aziende, adottando certi comportamenti, possono avere scorte “più giuste” e quindi che consentano di abbassare i costi e ridurre le rotture di stock che generano disservizio ai clienti?

La mia risposta è positiva, almeno per la grande maggioranza dei casi che possiamo considerare.
Infatti per avere scorte giuste è necessario fare meglio le due cose che le aziende già fanno:

  • le previsioni della domanda futura;
  • il calcolo delle scorte di sicurezza e quindi dei quantitativi di merce che ogni giorno è necessario ordinare ai fornitori.
Però, per quanto riguarda le previsioni, nessuno in azienda le fa volentieri, è comunque difficile farle bene, qualcuno le deve fare comunque, chi acquista le fa sicuramente e spesso con risultati più modesti di quanto potrebbe.

Per quanto riguarda le scorte, si banalizza spesso il problema nascondendosi dietro frasi del tipo “se le previsioni fossero buone tutto sarebbe risolto”, oppure “abbiamo sempre fatto così e non sembra esserci altro ragionevole modo”, si scaricano responsabilità sui fornitori, si accetta un modesto contributo dal sistema informativo aziendale.

Io credo che le cose potrebbero veramente andare in modo diverso: in moltissime aziende si possono fare buone previsioni e calcolare giusti livelli di scorta miscelando opportunamente intuito e statistica, buon senso e calcolo delle probabilità.

In sostanza utilizzando con raziocinio i sistemi ed i modelli studiati dalle discipline scientifiche alle quali abbiamo appena accennato.

E qui veniamo al punto ed all’Inventory management "alla buona"…che non esiste.
Alcuni di tali modelli e di tali sistemi funzionano molto bene, ma sono complessi e “noiosi” da comprendere e quindi da adottare.

Quando in aula sono presenti studenti universitari o giovani manager freschi di studi, non c’è nessun problema di comprensione.

Quando in aula sono invece presenti imprenditori o top manager, se il docente propone qualche formula per spiegare e dimostrare come e perché si possono ottenere benefici……i partecipanti arricciano il naso, si distraggono, cominciano a sussurrare frasi del tipo “tutte balle teoriche”.

Purtroppo a tutto ciò non esiste soluzione che non sia quella di un buon compromesso.
La gestione delle scorte andrebbe insegnata (con tutte le sue formule) ai giovani ed agli analisti o programmatori di software; agli imprenditori andrebbe fatto invece un corso “all’acqua di rose” con il semplice obiettivo di far comprendere l’entità dei miglioramenti potenzialmente raggiungibili con l’adozione di metodi più scientifici inevitabilmente implementati sul sistema informativo aziendale.

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Dalle Aziende
Piattaforma Modula Cloud
08 aprile 2020
Dalle Aziende
Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL
02 marzo 2020

Trend

Robot e umani

Automazione logistica: sempre più operatori affiancati da macchine autonome

01 giugno 2020

Come sarà la logistica del futuro? Robot e lavoratori insieme per una collaborazione essenziale

Big data

Il futuro della logistica 4.0, le aziende puntano sulle nuove figure professionali

27 maggio 2020

Nuove competenze in ambito digitalizzazione: con l’innovazione si potrà andare avanti

E-commerce

E-commerce, presentati i dati di Netcomm sulla crescita in Italia del commercio online

26 maggio 2020

Sempre più acquisti vengono effettuati online, nel periodo di lockdown gli acquirenti su e-commerce sono triplicati

Lavoro

A Parma un nuovo centro logistico di smistamento Amazon

25 maggio 2020

Ripartenza, nuovi posti di lavoro e ottimizzazione della supply chain logistica in Italia con Amazon

Amazon

Nuovi centri logistici in Italia grazie ad Amazon

22 maggio 2020

Con Amazon cresce la logistica per l’e-commerce e aumentano i posti di lavoro

Digital working

Il fattore umano centrale nella trasformazione digitale della Supply Chain

19 maggio 2020

Nella Digital Transformation della Supply Chain logistica resta importante il coinvolgimento attivo del personale

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente