Logistica interna in sicurezza
Sistemi di magazzino

Segnaletica in magazzino: sei sicuro di sapere tutto?

02 luglio 2019
I segnali stradali sono (o almeno dovrebbero essere) ben chiari nella nostra mente.
Non ci sono tuttavia solo quelli di divieto di sosta o di pericolo che troviamo sulle strade, ma anche quelli che campeggiano nei magazzini di tutta Italia, dove la sicurezza è un tema molto attuale.

I settori dei trasporti e della logistica sono quelli nei quali si riscontra il più alto numero di infortuni sul lavoro.
Il magazzino è un luogo dove rischi e pericoli sono dietro ogni angolo, tra attrezzature e carichi pesanti, movimenti sbagliati, disorganizzazione, disordine e mancanza di pulizia.
Diventa così di fondamentale importanza formare e tutelare il personale, non sottovalutando le situazioni a rischio.




La normativa e le regole di riferimento per la sicurezza in magazzino


In tale ambito il punto di partenza per la regolamentazione di questi aspetti è il decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 che stabilisce che, nel caso in cui dalla valutazione del rischio emergano dei rischi che non possono essere evitati o sufficientemente limitati, il datore di lavoro deve fare ricorso alla segnaletica di sicurezza in magazzino.

Un punto fondamentale quando si parla di segnaletica e sicurezza è che chi progetta il luogo di lavoro o l’impianto deve tener presente che l’efficacia della segnaletica stessa non deve essere compromessa dalla presenza di altra segnaletica del medesimo tipo, che può disturbare o confondere i lavoratori o arrecare danno dal punto di vista della visibilità.

Ciò significa che devono essere rispettate una serie di condizioni fondamentali:


  • evitare di disporre un numero troppo elevato di cartelli
  • evitare di disporre gli stessi troppo vicini agli altri già presenti
  • evitare di disporre un numero insufficiente, un'ubicazione irrazionale, un cattivo stato o funzionamento dei mezzi o dei dispositivi di segnalazione
  • provvedere ad una pulizia regolare dei dispositivi di sicurezza, che devono essere sottoposti a manutenzione, controllati e riparati e, se necessario, sostituiti, affinché conservino le loro proprietà intrinseche
  • considerare che il numero e la collocazione dei mezzi o dei dispositivi segnaletici da sistemare è in funzione dell'entità dei rischi, del pericolo e delle dimensioni dell'area da coprire
  • garantire, per i segnali il cui funzionamento richiede una fonte di energia, un'alimentazione di emergenza, nell'eventualità di una interruzione di tale energia.

Inoltre, i pittogrammi devono essere i più semplici possibili, senza particolari che siano di difficile comprensione; devono essere resistenti agli urti, alle intemperie e alle aggressioni ambientali.

Particolare attenzione va poi rivolta alle condizioni d’impiego: nella loro collocazione è necessario tenere conto di eventuali ostacoli e i cartelli devono essere sistemati ad un'altezza adeguata rispetto all’angolo visuale.
Nel caso ci fosse una cattiva illuminazione naturale, poi, si deve valutare la possibilità di utilizzare colori fosforescenti, materiali riflettenti o illuminazione artificiale.
Sono molti i dettagli da tenere presenti, rispettando il già citato decreto legislativo 81/2008.

Altrettanto importante è la segnaletica orizzontale.
La realizzazione delle strisce dovrà tenere conto delle distanze di sicurezza necessarie tra i veicoli che possono circolare ed eventuali ostacoli, lo stato di pulizia va costantemente monitorato e le dimensioni della segnaletica orizzontale devono permettere di evitare interferenze con pedoni ed altri mezzi e consentire manovre in sicurezza.
Lo stesso vale anche per i segnali verticali, che sono essenziali per segnalare i rischi legati alla presenza e circolazione dei mezzi e che a loro volta debbono essere manutenuti.


La segnaletica in magazzino affidata a ITER


Per tutti questi motivi è dunque di primaria importanza affidarsi a professionisti in questo campo.
Una delle aziende leader nel settore è Iter Srl, nata nel febbraio del 2013 e che in soli sei anni è riuscita a collaborare con clienti di prestigio, guadagnando la fiducia di aziende, privati ed enti locali.
Nel solo ramo dedicato alla logistica, si affidano a Iter Srl realtà come Lidl Italia, DHL, Coop Lombardia e Stef Spa.
Da segnalare la presenza nel portfolio anche di Auchan, Provincia di Brescia, Fiera Milano e Interporto Bologna.

Iter può garantire l’installazione di segnaletica orizzontale (quella che si trova direttamente sulla pavimentazione) e di segnaletica verticale (quella affisse su pali o tralicci) nelle aree delle baie di carico e in magazzino per evitare pericoli connessi al caricamento merci e alla viabilità, specie nelle parti del magazzino poco visibili e nelle aree a temperatura controllata.


Per saperne di più visita www.itersegnaletica.com o scrivi a info@itersegnaletica.com


Altri articoli per Sistemi di magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Un buon software per la gestione aziendale è alla base del successo

03 aprile 2020
Sistemi di magazzino

Ordine: la parola chiave per ogni magazzino

31 marzo 2020
Sistemi di magazzino

Gestione logistica: Interroll conquista la Cina

26 marzo 2020
Hardware e Software per il magazzino

Automazione magazzino: in arrivo Handle, il rivoluzionario robot logistico

19 marzo 2020
Hardware e Software per il magazzino

Nasce AWMS, piattaforma SaaS per ottimizzare la gestione della logistica

11 marzo 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL

02 marzo 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Com'è percepita la sicurezza gestita dal provider logistico?
17 maggio 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente