Hardware e Software per il magazzino

Accordo sulla privacy fra Commissione Europea e imprese per le etichette RFID

11 aprile 2011

Insieme alla progressiva diffusione delle applicazioni RFID (circa 1 miliardo in Europa nel 2010, 2,8 miliardi la previsione per il 2011), crescono anche i timori per la tutela della sfera privata di ciascuno di noi.

Le etichette RFID, presenti in molti oggetti, dai tesserini magnetici per gli autobus alle tessere per il pagamento elettronico dei pedaggi autostradali, contengono dati che possono essere elaborati automaticamente da dispositivi microelettronici quando vengono avvicinate a "lettori" che le attivano, ne captano il segnale radio e procedono ad uno scambio reciproco di dati.

La presenza di radioetichette in oggetti quali telefoni cellulari, computer, frigoriferi, libri elettronici e automobili può offrire molti vantaggi per le imprese, i servizi pubblici e i prodotti di consumo, ma questi dispositivi possono nel contempo mettere a repentaglio la tutela della sfera privata, della sicurezza e dei dati, rischiando di esporre i nostri dati personali (uno tra i tanti, la nostra ubicazione) all'accesso non autorizzato da parte di terzi.

L'accordo del 6 aprile fra Commissione Europea e imprese, società civile, ENISA (Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione) stabilisce che le imprese svolgano una valutazione globale dei rischi per la vita privata e adottino misure per far fronte ai rischi individuati prima che una nuova applicazione contenente una "smart tag" sia introdotta nel mercato.

Tra gli eventuali rischi vi sono gli effetti che potrebbero avere sulla sfera privata i collegamenti tra i dati raccolti e trasmessi ed altri dati.
È questo un aspetto particolarmente importante nel caso di dati personali sensibili, come quelli biometrici, sanitari o inerenti all'identità.

Applicabile a tutti i settori economici che utilizzano le etichette intelligenti (trasporti, logistica, commercio al dettaglio, servizi di biglietteria, sicurezza e sanità), il quadro per l'impatto sulla protezione della vita privata stabilisce per la prima volta in Europa una metodologia chiara per valutare e attenuare i rischi posti dalle etichette intelligenti per la vita privata.

In particolare questo quadro non soltanto darà certezza del diritto alle imprese, garantendo loro che l'uso delle radioetichette sia compatibile con la legislazione europea sulla privacy, ma offrirà anche una maggiore protezione ai cittadini e ai consumatori europei. Per ulteriori informazioni si veda questa pagina del sito internet dell'Unione Europea

Altri articoli per Hardware e Software per il magazzino

Software e logistica
Hardware e Software per il magazzino
Robot
Hardware e Software per il magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Logistica omnicanale: nuove soluzioni per il picking in magazzino

28 maggio 2020
Hardware e Software per il magazzino

Il Gruppo BMW ottimizza la supply chain logistica con i robot intelligenti

26 maggio 2020
Unità di carico

Festeggiamo i 40 anni di Dok-Lok®!

20 maggio 2020
Sistemi di magazzino

Soluzioni smart per la logistica di magazzino

12 maggio 2020
Hardware e Software per il magazzino

L’utilità di un sistema WMS avanzato nel periodo dell’emergenza

08 maggio 2020
Hardware e Software per il magazzino

Logistica 3PL, cresce il volume degli ordini rispetto al 2019

07 maggio 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Sistema integrato VS dipartimentale - Global Summit
28 febbraio 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente